Ricognizione preliminare degli immobili danneggiati dal sisma del 26 Dicembre 2018 e sommaria valutazione delle somme necessarie per la riparazione/ricostruzione.

Ordinanza n°20 del 19 Gennaio 2021

19 Gennaio 2021

Ordinanza n°20 del 19 Gennaio 2021

Il seguente testo ha la finalità di rendere più accessibile la consultazione dell’ordinanza commissariale nel rispetto della norma sull’accessibilità Direttiva UE 2016/2102 recepita in Italia con il Decreto legislativo n. 106 del 2018 e non sostituisce in alcun modo il file in formato PDF firmato dal Commissario, che rappresenta l’unico documento legalmente valido al quale fare riferimento.


Ricognizione preliminare degli immobili danneggiati dal sisma del 26 Dicembre 2018 e sommaria valutazione delle somme necessarie per la ripartizione/ricostruzione.

Il Commissario Straordinario per la ricostruzione nei territori dei Comuni della Città Metropolitana di Catania colpiti dagli eventi sismici del 26 dicembre 2018, dott. Salvatore Scalia, nominato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 agosto 2019, ai sensi dell’art. 6 del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, convertito con modificazioni dalla legge 14 giugno 2019, n. 55;

Vista la delibera del Consiglio dei Ministri adottata nella riunione del 28 dicembre 2018, con la quale è stato dichiarato, per dodici mesi, lo stato di emergenza a far data dal 28 dicembre 2018 a seguito dell’evento sismico che il 26 dicembre 2018 ha colpito i territori dei Comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Catena, Acireale, Aci Sant’Antonio, Milo, Santa Venerina, Viagrande, Trecastagni e Zafferana Etnea;

Rilevato che, anche alla luce di quanto previsto dall’art.7 comma 1 lettera c del dl 32/2019 ,occorre raccogliere i dati relativi al numero di immobili danneggiati dal terremoto con scheda AeDES con esito B-C-E per i quali non si è provveduto alla riparazione autonomamente, ovvero giusta provvedimenti adottati dal Commissario per l’emergenza, individuando, seppur sommariamente, l’entità delle somme necessarie per la riparazione/ricostruzione, al fine di potere meglio programmare l’utilizzo delle risorse oggi disponibili e di richiedere ulteriori finanziamenti, laddove necessari, sulla base di dati provenienti dalla stessa popolazione terremotata;

 Sottolineato che l’entità delle somme necessarie per procedere alla completa ricostruzione dell’area terremotata è stata oggetto di studi compiuti dalla Protezione Civile e da questo Ufficio e che i relativi dati sono stati trasmessi alle Autorità competenti ma che gli studi in parola, basati sui primi dati disponibili, vanno ulteriormente affinati e rivisti anche alla luce delle attività di ricostruzione sino ad oggi espletate

Considerato che con le ordinanze n.7 del 25 maggio 2020 e n.14 del 30 settembre 2020 sono stati adottati i provvedimenti che consentono la presentazione delle istanze per la concessione del contributo da parte dell’ufficio commissariale e che, nonostante l’esiguo numero delle istanze ad oggi presentate, è da ritenersi che si sia comunque  provveduto, da parte degli interessati, ad individuare il progettista dei lavori il quale, a sua volta, avrà individuato, seppure sommariamente ed informalmente, l’entità della spesa necessaria per la riparazione/ricostruzione dell’immobile o comunque potrà provvedervi in tempi ristretti;

Considerato che la raccolta dei dati di cui sopra rende più agevole la individuazione delle somme destinate alla ricostruzione alla luce di quanto previsto, in materia di priorità, dall’art. 9 del d.l.32/2019 e che quindi la comunicazione dei dati richiesti con la presente ordinanza può costituire ulteriore elemento di priorità da seguire nell’esame delle pratiche afferenti alle istanze di contributo da parte della Struttura Commissariale,

 

Dispone

I soggetti indicati alle lettere A/B/C/D dell’art. 9 del d.l. 32/2019 trasmettono all’Ufficio Commissariale a mezzo:

  1. la scheda di cui all’allegato alla presente ordinanza nella quale sono riportati, tra l’altro, i dati catastali dell’immobile per il quale si intende richiedere il contributo, quale sia la destinazione d’uso dell’immobile, il nominativo del tecnico incaricato della redazione del progetto e la quantificazione economica presuntiva, sommariamente individuata, che si ritiene necessaria per la riparazione/ricostruzione;
  2. I dati forniti hanno mera finalità statistica e non verranno tenuti in alcuna considerazione all’atto dell’esame dell’istanza di contributo;
  3. La avvenuta presentazione della scheda costituirà criterio di priorità, fermo restando quanto previsto dal comma 1 dell’art. 9 del d.l. 32/2019, nell’esame delle richieste di contributo da parte dell’Ufficio Commissariale;
  4. Il termine per la trasmissione della scheda di cui all’allegato è fissato nel 8 marzo 2021.

La presente Ordinanza è comunicata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Dipartimento della Protezione Civile Nazionale e Regionale, alla Presidenza della Regione Siciliana, alle Amministrazioni Comunali dei Comuni di cui all’allegato 1 del d.l. 32/2019 e al Coordinamento dei comitati dei terremotati ed è pubblicata sul sito web istituzionale del Commissario www.commissariosismaareaetnea.it, nell’albo pretorio dei Comuni di cui sopra ed entra in vigore nel giorno successivo alla sua pubblicazione nel sito Commissariale.

 

Il Commissario Straordinario
Dott. Salvatore Scalia


Il modulo per la ricognizione preliminare degli immobili danneggiati dal sisma 2018 può essere inviato mediante la compilazione online cliccando sul tasto sottostante. In alternativa, il modulo può essere inviato tramite email o raccomandata scaricando il file presente tra gli allegati dell’ordinanza.

 

Allegati